20 settembre 2018
Aggiornato 00:30

In attesa della riapertura: «Eva la bambola più richiesta. Noi affittacamere? Se andate dall'estetista...»

In attesa di ricevere i permessi per poter riaprire se ne continua a parlare. Il ciclone "casa delle bambole hot" non si ferma nemmeno ora che le protagoniste di gomma sono sotto sequestro
Eva, la bambola più richiesta
Eva, la bambola più richiesta (Lumidolls)

TORINO - Per qualche giorno in via Onorato Vigliani non ci sarà il via vai che dal 3 settembre scorso ha scompensato i residenti del quartiere Mirafiori. La "casa delle bambole hot", come è stata ribattezzata la nuova attività lanciata da Lumidolls, è ferma in seguito ai controlli della polizia municipale e dell'Asl. Il motivo? In realtà non c'è stata una grande chiarezza: se da un lato c'è un comunicato del Comune di Torino che parla di "attività abusiva di affittacamere" e di un "livello insufficiente del sistema di igienizzazione delle bambole" che sono state poste sotto sequestro, dall'altro c'è l'azienda che, tramite la portavoce Virginia Giolito, ha fatto sapere che i motivi sono solamente burocratici, "non c'è alcuna contestazione dal visto di vista dell'igiene, non ci sono problemi per quanto riguarda la pulizia delle bambole".

AFFITTACAMERE SI O NO - Una delle contestazioni fatte alla Lumidolls Italia è stata quella di non avere le autorizzazioni per poter affittare la camera al cliente che noleggia la bambola. "E' un'attività nuova e non si è preparati", aggiunge Virginia Giolito intervistata da Giuseppe Cruciani nel programma radiofonico La Zanzara su Radio 24, "per i vigili siamo degli affittacamere, ma noi diamo la possibilità di affittare i nostri prodotti, non puoi far affittare una camera per una bambola. Se vai dall'estetista e ti fa accomodare sul lettino mica devi pagare anche l'affitto della cabina. Hanno fatto il loro dovere venendo a controllare, ma non si è preparati ancora a un'attività del genere, ma torneremo a breve".

EVA LA PIU' DESIDERATA - Con prenotazioni fino a dicembre, non si può proprio dire che la nuova attività non piaccia. Certo c'è chi la contesta, ma l'attività in sé sembra funzionare. E c'è già una bambola preferita: è Eva, italiana, alta 148 centimetri per 29 chilogrammi di peso e un seno coppa C. Sul sito la definiscono come "calda, bruna e con curve strepitose. Lei è libera e vivace. Il suo viso esprime piacere e dice che quello che stai facendo è fantastico. È molto realistica, ti sorprenderà». Una descrizione - in cui abbiamo omesso le parti più hot - che evidentemente ha attirato molto.