22 agosto 2019
Aggiornato 08:30
Elezioni

Elezioni regionali, Boeti scuote il Pd: «Smettiamola di cincischiare, Chiamparino candidato»

Vuole affrettare i tempi il presidente del Consiglio regionale. “Fare melina, prendere tempo, avanzare distinguo serve solo a un risultato”

TORINO - Mancano ancora diversi mesi alle elezioni regionali, ma il presidente del Consiglio regionale Nino Boeti, memore delle ultime elezioni amministrative a Torino, chiede al Pd di non perdere tempo e affrettarsi a candidare Sergio Chiamparino e mettere in campo programmi e idee.

SMETTERE DI CINCISCHIARE - «In questi quattro anni durante i quali ho avuto modo di girare tutto il Piemonte per parlare di Resistenza e di Costituzione, ho potuto essere testimone della popolarità di cui gode Sergio Chiamparino», ha detto aggiungendo, «Il più conosciuto e il più apprezzato anche al di fuori della cinta degli elettori del Pd e del centro-sinistra. Pertanto, invito i dirigenti del Pd ad iniziare a parlare di programmi e di idee e a smetterla di ‘cincischiare’. Fare melina, prendere tempo, avanzare distinguo serve solo a un risultato: logorare la disponibilità di Chiamparino a ricandidarsi, indebolire il Pd, far crescere la sfiducia dei cittadini verso il nostro partito».

CHIAMPARINO CANDIDATO - Quello che Boeti vuole è dunque l’ufficializzazione della candidatura di Sergio Chiamparino il prima possibile: «Ripartiamo da Chiamparino e facciamolo il più in fretta possibile, definendo programmi e progetti insieme agli alleati».