20 ottobre 2018
Aggiornato 07:30

Da Beethoven alla cannabis: lo storico negozio di musica di via Po da domenica cambia volto

Quello di via Po 3/C è uno dei negozi storici di Torino e non è stato scelto a caso per la nuova attività marchiata Cannabidiol Distribution e Fall in Weed (il nome scelto per gli store): “Ho voluto fortemente il locale dove una volta c’era la Società Editrice Musica Torino”
Fall in Weed... in apertura
Fall in Weed... in apertura (Diario di Torino)

TORINO - Era il 1852 quando a Torino, in via Po 3/C, apriva uno dei negozi più di pregio dell’epoca che fu adibito a Regio stabilimento musicale Giovanni Chiappino, diventando in seguito la sede della Società Editrice Musica Torino (SEMT), una delle ultime grandi case editrici, ancora attiva nel dopoguerra. Centosessantasei anni dopo in quello stesso locale, in una Torino moderna, turistica e contornata da negozi di ogni tipo, sta per avvenire «la rivoluzione»: da domenica 23 settembre spariranno gli scaffali in legno per lasciare posto a un design «moderno e unico» e non si venderanno più spartiti o articoli musicali, ma cannabis in ogni sua forma. Si esatto, cannabis. Dal 2016 infatti, con la legge 242, è stata legalizzata la vendita di prodotti a base di cannabis, purché abbiano un valore del Thc compreso tra lo 0,2% e lo 0,6%. Ed ecco quindi che la fantasia si è sbizzarrita e sono nati (e acquistabili) prodotti di cosmetica e cura della persona come shampoo e crema viso a base di canapa, o alimentari come biscotti, pasta e sughi a base di olio di canapa.

DA BEETHOVEN ALLA CANNABIS - Quello di via Po 3/C è uno dei negozi storici di Torino e non è stato scelto a caso per la nuova attività marchiata Cannabidiol Distribution e Fall in Weed (il nome scelto per gli store): «Ho voluto fortemente il locale dove una volta c’era la Società Editrice Musica Torino», ci spiega Luca Fiorentino, titolare della Cannabidiol Distribution, la prima società a coltivare indoor la cannabis legale a Torino, «lì è stata scritta una parte della storia della città più di 150 anni fa. E’ un onore potergli ridare nuova vita, oltre a essere in una posizione centrale della città ottimale per servire torinesi e turisti». Luca Fiorentino è un ragazzo di 23 anni, giovanissimo, eppure ha non solo le idee molto chiare, ma anche le capacità, tanto che dalla nascita della società Cannabidiol Distribution nel novembre 2017 a oggi ha ampliato il suo business fino ad avere 14 dipendenti, 31 agenti di commercio che vendono il prodotto a 800 rivenditori in tutta Italia: 200 di questi sono in Piemonte, di cui una novantina nella «sua» Torino. Il progetto Fall in Weed inizia invece domenica 23 settembre alle ore 16. E il prossimo passo non è lontano visto che già tra poco più di una settimana taglierà il nastro del secondo store Fall in Weed in corso Casale 62, mentre in un anno l’obiettivo è l’inaugurazione di una quarantina negozi.