15 dicembre 2018
Aggiornato 18:00

Auto impazzita sfonda le barriere, un muro e si incastra a un metro dal chiosco: tragedia sfiorata

L'automobilista, in evidente stato di ebbrezza, ha sfiorato il linciaggio da parte dei presenti. La Fiat Croma si è fermata a pochi metri dal chiosco dove c'erano decine di famiglie
Tragedia sfiorata a Rivalta
Tragedia sfiorata a Rivalta (Diario di Torino)

RIVALTA - Nel tardo pomeriggio di ieri a pochi chilometri da Torino, precisamente a Rivalta, poteva avvenire una tragedia per colpa di un automobilista che, ubriaco al volante della sua Fiat Croma, ha "bruciato" uno stop attraversando in diagonale due corsie di marcia, una pista ciclabile e distruggendo prima una barriera posta a protezione della zona pedonale e ciclabile e poi anche un pietrone messo dal Comune nella terra come dissuasore. Il tutto è avvenuto nel giardino dove ha sede il Bicigrill, tra via Piossasco e via Pergolesi, dove dopo le 17 erano presenti decine di famiglie con bambini appresso.

STRAGE EVITATA - "E' avvenuto tutto in pochi secondi", ci dice Jacopo, il titolare del Bicigrill, "quell'auto è arrivata vicinissima al chiosco, per fortuna gli si è storta la ruota e si è bloccata nel terreno». La Fiat Croma poteva compiere una strage. Bastava che quella macchina impazzita non fermasse la sua corsa a pochi metri dal chiosco. Anzi, dopo aver distrutto la barriera, la vettura si è schiantata a gran velocità contro il muro di una fabbrichetta, mandando quest'ultimo in frantumi. Ma non solo: nell'incidente è saltato anche la centralina elettrica che, tra le altre cose, dava corrente al chioschetto, rimasto da subito senza corrente. "Per fortuna nessuno si è fatto male", ci dice ancora Jacopo, "per noi è stato sicuramente un danno perché abbiamo dovuto mandare via i clienti e chiudere, ma per fortuna già in serata i tecnici e i vigili del fuoco avevano ripristinato completamente la situazione".

LINCIAGGIO - Quando la Fiat Croma si è fermata a pochi metri dalle famiglie, una delle porte si è aperta e sono usciti due dei quattro occupanti della vettura e si sono dati alla fuga. A quel punto, spaventati, i presenti hanno tentato di linciare l'automobilista, in evidente stato di ebbrezza. Ci ha pensato chi era più lucido a evitare l'aggressione e i carabinieri a portare via i due rimasti. Chi era al volante invece ha rifiutato di sottoporsi all'alcol test ed è stato denunciato e gli è stata ritirata la patente.