23 marzo 2019
Aggiornato 01:00
Quartiere Barriera di Milano

Oltre 50mila euro di marijuana nascosti nella cantina di un parente, doppio arresto in via Pinerolo

Gli agenti hanno scoperto la cantina grazie a un'attenta attività di indagine effettuata nei confronti di un cittadino nigeriano di 43 anni fermato durante un consueto servizio di perlustrazione del territorio
La droga sequestrata
La droga sequestrata Polizia di Stato

TORINO - Utilizzava la cantina di un parente, pagandogli uno quota, per nascondere un ingente quantitativo di droga. Un incontro quasi casuale con la polizia però gli è cosato caro perché dalla perquisizione è emerso un bigliettino da visita che ha portato gli agenti proprio in uno stabile di via Pinerolo dove era occultata la sostanza stupefacente. Si parla di 5,45 chilogrammi di marijuana, alcuni sacchettini contenenti una ventina di ovuli di cocaina, un barattolo chiuso ermeticamente con polvere dello stesso stupefacente e oltre un chilogramma di sostanza da taglio. Oltre a questo nascondeva anche un passaporto scaduto.

DUE IN ARRESTO - Dopo aver trovato il biglietto da visita, unitamente a un mazzo di chiavi, gli agenti si sono messi alla ricerca della cantina. Quando l'hanno trovata, prima che fisicamente la raggiungessero, è spuntato il legittimo proprietario (il parente dello spacciatore), che ignaro della presenza degli agenti, è entrato con una copia delle chiavi nel tentativo di occultare qualcosa. Sia quest'ultimo che il primo soggetto fermato (un nigeriano di 43 anni) sono stati arrestati per il reato di detenzione di sostanza stupefacente in concorso.