21 novembre 2018
Aggiornato 08:30

Tradito da due pregiudicati chiamati per riavere i soldi prestati, doppio arresto della GdF

Quando i due, un pugliese e un calabrese, hanno ottenuto la somma minacciando il debitore, si sono fatti beffa del creditore che li aveva chiamati. La guardia di finanza però è intervenuta e li ha arrestati entrambi
Guardia di Finanza
Guardia di Finanza (ANSA)

TORINO - Per recuperare una somma di denaro prestata a un commerciante di abbigliamento per acquistare un orologio di valore, il titolare di un «Compro Oro» di Torino si è rivolto a due soggetti pregiudicati, un cinquantaduenne di origine calabrese e un cinquantunenne pugliese, entrambi ampiamente noti alle forze dell'ordine per numerosi precedenti penali. I due però non si sono limitati a recuperare parte del prestito (con una serie di minacce e intimidazioni), sono andati oltre pensando bene di impossessarsi, dal negozio di abbigliamento della moglie del debitore, di numerosi capi di vestiario di pregio. Ma non solo: una volta riscossa l'intera cifra si sono rifiutati di consegnare al titolare del Compro Oro il denaro e la merce recuperata.

ARRESTATI - La Guardia di Finanza ha indagato con il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria su questa vicenda, ricostruendo tutto quello che è accaduto dall'inizio. Per i due cinquantenni è scattato l'arresto per estorsione e furto aggravato. Le misure cautelari sono state emesse dal Gip di Torino.