12 novembre 2018
Aggiornato 23:00

Tentano di evadere e danno fuoco al Cpr di corso Brunelleschi: arrestati 13 migranti

I soggetti si trovano ora in carcere: prima della rivolta sono state sequestrate armi artigianali e corde pronte a essere utilizzate per l’evasione. Distrutta parte del Cpr
Tentano di evadere e danno fuoco al Cpr di corso Brunelleschi: arrestati 13 migranti
Tentano di evadere e danno fuoco al Cpr di corso Brunelleschi: arrestati 13 migranti (ANSA)

TORINO - Materassi bruciati, stanze completamente in fiamme e una struttura letteralmente distrutta. Ha avuto conseguenze devastanti la rivolta scoppiata lo scorso 17 ottobre al Cpr di corso Brunelleschi: gli incendi hanno divorato quattro delle cinque aree della struttura. La polizia, intervenuta sul momento per placare la rivolta, a termine delle indagini condotte dal personale dell’Ufficio Immigrazione e dalla Squadra Mobile, ha identificato e arrestato 13 soggetti.

ARRESTATI IN CARCERE - I soggetti si trovano ora in carcere: a loro è stato contestato il reato di incendio aggravato in concorso. Inizialmente la Procura della Repubblica ne aveva disposto la scarcerazione, ma il Gip ha convalidato il fermo del Pm e applicato nei confronti dei fermati la misura di custodia cautelare in carcere. Attualmente la struttura è inservibile in uno dei locali e totalmente inagibile nei numerosi spazi destinati a ospitare i soggetti in attesa di identificazione e rimpatrio. Prima della rivolta, i poliziotti avevano inoltre ispezionato il Cpr trovando accendini, oggetti atti a offendere e corde pronte per essere utilizzate nella fuga.