21 novembre 2018
Aggiornato 09:00

Lettera di minacce ad Appendino: «Devi morire, sappiamo dove vivi tu e la tua famiglia»

Questa mattina è stata recapitata a casa della sindaca una lettera anonima con minacce a lei e alla sua famiglia. Pochi gli elementi per tentare di risalire a chi l’ha scritta e inviata
La lettera di minacce ad Appendino
La lettera di minacce ad Appendino (Facebook)

TORINO - Nel giorno della protesta per il voto della Sala Rossa contro la Tav, la sindaca Chiara Appendino pubblica su Facebook una lettera che ha ricevuto questa mattina contenente un messaggio intimidatorio e minacce per lei e per la sua famiglia. Una lettera anonima, scritta con un normografo per risultare ancora più indecifrabile il suo autore e indirizzata alla «famiglia Appendino».

«Bastarda cagna juventina», si legge, «tu e la tua setta di pazzoidi e falliti avete ucciso Torino. Adesso devi morire, sappiamo dove vivi tu e la tua famiglia. Dormi molto preoccupata merda». E poi in calce una croce nera.

Appendino ha pubblicato la lettera commentando: «Questa è la lettera anonima che ho ricevuto questa mattina e per la quale ho appena sporto querela. Magari si tratta semplicemente di uno scherzo di cattivo gusto ma una cosa è certa: continuerò a svolgere con serenità il ruolo per il quale sono stata eletta».

Come ha detto lei stessa, ha già sporto querela alla polizia. Toccherà agli agenti provare a capire chi abbia scritto quelle minacce e impedire che le parole possano trasformarsi in realtà. Sono pochi gli elementi a disposizione, uno di questi è il timbro postale che indica il passaggio in Posta il 30 ottobre.