21 novembre 2018
Aggiornato 08:30

La segue a casa per rubarle il cellulare, rapinatore arrestato in piazza XVIII Dicembre

La rapina era avvenuta questa estate. Grazie ad alcune immagini video e alle indagini della polizia è stato possibili identificare il rapinatore e arrestarlo
Piazza XVIII Dicembre
Piazza XVIII Dicembre (Museo Torino)

TORINO - Gli agenti di polizia del Commissariato San Secondo hanno arrestato un rapinatore che questa estate, a metà agosto, aveva rapinato un cellulare a una donna che rincasa in via Camerana facendola cadere e provocandole così un’emorragia gengivale.
In quell’occasione l’uomo si era introdotto nello stabile insieme alla donna dicendo, in un primo momento, di dover entrare per raggiungere un’amica e dicendo un nome che non esisteva nello stabile. Facendo ancora finta di fare una telefonata, aveva distratto la vittima per poi colpirla, derubarla e fuggire.

LE INDAGINI - Dopo la denuncia della vittima, dalla visione delle immagini del sistema di video sorveglianza e da accertamenti tecnici, le indagini del commissariato San Secondo hanno permesso di risalire all’identità dell’uomo. Gli agenti, infatti, hanno appurato che nello smartphone rubato, due giorni dopo la rapina, era stata inserita una sim intestata a un cittadino romeno di 32 anni. Da riscontri fotografici è emerso che il rapinatore era proprio il trentaduenne.

CONTROLLATO IN PASSATO - Da successivi accertamenti, è emerso che l’uomo era stato controllato più volte, in passato, nell’area di piazza XVIII Dicembre, cosa che ha fatto pensare che fosse solito frequentare la zona. Nella serata di giovedì, l’uomo è stato rintracciato e fermato proprio in quella zona. Nella circostanza, l’uomo indossava le stesse scarpe che aveva ai piedi la sera della rapina. Inoltre, gli agenti hanno trovato addosso all’uomo la sim che lo straniero aveva inserito nel telefono rapinato due giorni dopo aver aggredito la donna.