17 novembre 2018
Aggiornato 23:00

«Mi sto per buttare dal quinto piano»: chiamata shock al 112, donna salvata a Barriera di Milano

Una donna di 58 anni è stata salvata dai carabinieri dopo che lei stessa aveva telefonato al 112 annunciando il suo suicidio. L’operatore è stato bravo a intrattenerla fino a quando i carabinieri l’hanno raggiunta a casa
Donna salvata a Barriera di Milano
Donna salvata a Barriera di Milano ()

TORINO - Questo è un articolo che parla del salvataggio fatto dai carabinieri che hanno evitato che una donna di 58 anni, psicologicamente instabile e residente nel quartiere Barriera di Milano, si suicidasse. Avrebbe invece potuto parlare di altro, di una morte invece evitata grazie al lavoro sia della centrale operativa, che è riuscita a tenere impegnata la donna al telefono, sia del reparto Radiomobile intervenuto nell’abitazione dell’aspirante suicida fermando l’estremo gesto.

MI VOGLIO TOGLIERE LA VITA - L’intervento dei carabinieri è partito dalla telefonata della stessa donna al 112: «Mi voglio togliere la vita e sto per buttarmi dal quinto piano», avrebbe detto la cinquantottenne che già in passato, in una occasione, aveva tentato l’estremo gesto. La telefonata è stata immediatamente trasmessa alla centrale operativa dei carabinieri con il militare impegnato a dialogare con la donna, bravo ad ascoltare e a capire che per lei il suo cane era importante quanto un figlio. Così le ha fatto capire che se si fosse buttata il suo cagnolino sarebbe rimasto da solo e probabilmente non sarebbe sopravvissuto. Un argomento che la donna ha appresso appieno.

IL SALVATAGGIO - Durante la telefonata i carabinieri del reparto Radiomobile hanno rintracciato l’abitazione della donna e l’hanno raggiunta e salvata. Dopo che i militari l’hanno tratta in salvo, la cinquantottenne è stata affidata al 118 e accompagnata all’ospedale San Giovanni Bosco.