18 dicembre 2018
Aggiornato 23:30

A Torino reati in calo, parla Appendino: «Grazie alle forze di polizia»

Torino si piazza al quinto posto nella classifica delle città in cui vengono commessi reati: il trend però sembra essersi invertito e i reati sono in calo
A Torino reati in calo, parla Appendino: «Grazie alle forze di polizia»
A Torino reati in calo, parla Appendino: «Grazie alle forze di polizia» (ANSA)

TORINO - Torino promossa (con riserve) in tema di sicurezza: il Sole 24 Ore ha infatti condotto uno studio da cui è emerso come i reati siano nettamente in calo nel capoluogo piemontese. Se i furti nelle abitazioni e quelli con strappo risultano in fase calante, sono invece in aumento gli omicidi volontari e le violenze sessuali. Ma vediamo nel dettaglio quanto emerso dall'indice della criminalità pubblicato dal Sole 24 Ore.

I REATI - I reati, in generale, sono in calo: 128.186 i reati registrati, 5649,2 ogni 100.000 abitanti. La variazione rispetto al 2017 è pari a -6%. Segno negativo (-7%) anche per i furti nelle abitazioni, che sono 9.754 (429,86 ogni 100.000 abitanti). Calano invece del 5% i furti con strappo: 1300 (57,29 ogni 1300 abitanti). Nota negativa i 54 reati tra omicidi volontari, tentati omicidi, infanticidi e violenze sessuali. Parliamo di un dato in aumento (+38%), con 2,38 reati ogni 100.000 abitanti. Nella classifica dei reati totali, Torino si attesta al quinto posto: un dato migliorabile solo se questi trend verranno confermati nei prossimi anni. «Colgo l’occasione per ringraziare tutte le Forze di Polizia che lavorano ogni giorno proprio per garantire la nostra sicurezza» ha ribadito la sindaca Chiara Appendino.