19 dicembre 2018
Aggiornato 00:00

Comune e Politecnico, alleanza per Torino: «Progettiamo insieme la città del futuro»

L’obiettivo? Revisionare il piano regolatore: l’Ateneo svolgerà le attività di ricerca in fase preliminare, il Comune si occuperà degli interventi.
Comune e Politecnico, alleanza per Torino: «Progettiamo insieme la città del futuro»
Comune e Politecnico, alleanza per Torino: «Progettiamo insieme la città del futuro» ()

TORINO - È un’alleanza non così insolita quella che è stata sancita oggi, nella Sala delle Colonne di Palazzo Civico: il Comune di Torino e il Politecnico hanno stipulato un accordo di collaborazione al fine di progettare, insieme, la città del futuro. L’obiettivo dell’accordo è la revisione del piano regolatore.

L’ACCORDO - L’accordo è bilaterale e non prevede spese: l’Ateneo svolgerà le attività di ricerca necessarie a supportare la revisione del piano regolatore, che spetterà ovviamente al Comune. Un accordo win win, dove a vincere sono entrambe le realtà. La parola d’ordine? La sostenibilità, condizione necessaria insieme alla modernità. Due termini che appaiono distanti ma non sono in antitesi, anzi. La Torino del futuro non può prescindere da entrambi i concetti.La collaborazione è già attiva, mentre l’accordo è valido per tre anni. Per quanto riguarda la proposta tecnica preliminare, è invece attesa entro i prossimi mesi. 

MONTANARI E SARACCO - Soddisfatto il vicesindaco e assessore all’Urbanistica Guido Montanari: «L’accordo con il Politecnico è importante. Un’opportunità straordinaria, perché il contesto urbano, economico e sociale è mutato. Il nuovo strumento urbanistico dovrà avere un’impronta di semplicità, trasparenza e resilienza, utile a rispondere alle necessità di trasformazione della città e in una visione metropolitana»«Il supporto scientifico alle istituzioni del territorio rappresenta una missione fondamentale per un ateneo come il Politecnico. Mettiamo a disposizione le nostre competenze tecnologiche e le conoscenze scientifiche di alto livello» ha concluso il rettore Guido Saracco.