12 dicembre 2018
Aggiornato 19:00

Rapina in banca in via Cibrario: malviventi immobilizzano direttore e dipendenti

I rapinatori si sono allontanati con 74.000 euro, ma non hanno fatto tanta strada: immediato l’intervento della Squadra Mobile

TORINO - Nel pomeriggio dello scorso lunedì, due cittadini italiani, dopo la chiusura dell’istituto bancario «Credit Agricole» (ex Cariparma) di via Cibrario 37, si sono introdotti nel cortile di uno stabile adiacente e, dopo aver rimosso le inferriate della finestra, sono entrati nei locali della banca. I malviventi hanno immobilizzato il direttore della filiale ed altri due dipendenti, chiudendoli all’interno di un locale, ed hanno prelevato tutto il denaro contante dalle casse e dalla cassaforte che era stata aperta per le operazioni di conta.

RAPINA E ARRESTO - I due rapinatori si sono allontanati dalla filiale con un bottino di quasi 74 mila euro. I poliziotti, giunti immediatamente sul posto, hanno fermato i rapinatori mentre uno dei due stava tentando di fuggire a bordo di un motorino, risultato poi rubato e con targhe sostituite. La somma trafugata è stata rinvenuta all’interno di uno zaino, oltre a 2 pistole giocattolo semiautomatiche prive del tappo rosso ed altro materiale per il travisamento e per la difesa: caschi Jet, scalda colli, guanti, taglierini, manganello telescopico. Un terzo uomo, che stava aspettando nelle vie limitrofe a bordo di un furgone, è stato intercettato da altri operatori e repentinamente bloccato. Il personale della Squadra Mobile, sezione reati contro il patrimonio, nell’ambito del procedimento penale, coordinato dalla Procura della Repubblica di Torino, ha tratto in arresto in flagranza del reato di rapina aggravata tre cittadini italiani pluripregiudicati anche per reati specifici.