17 dicembre 2018
Aggiornato 14:00

Cioccolatò 2018 è un successo: l’edizione si chiude con il record di presenze

Più di 400.000 persone sono passate tra gli stand di via Roma e piazza San Carlo, un successo incredibile: «CioccolaTò si conferma uno degli eventi più partecipati» commenta entusiasta Alberto Sacco
Cioccolatò 2018 è un successo: l’edizione si chiude con il record di presenze
Cioccolatò 2018 è un successo: l’edizione si chiude con il record di presenze (Mihai Bursuc)

TORINO - Successo da record per l’edizione 2018 di CioccolaTò. Dopo 10 giorni in piazza San Carlo e via Roma, la partecipazione di un centinaio di maestri cioccolatieri e tantissime iniziative, Cioccolatò chiude con il botto. Sono più di 400mila la presenze durante i giorni della manifestazioni. Numeri davvero entusiasmanti, se si pensa che già solo dopo il primo fine settimana di apertura si era già superato il pubblico delle edizioni precedenti.

CIOCCOLATO’ 2018, UN SUCCESSO - «Nonostante sia stata la prima volta per Craun&Crest, abbiamo superato le aspettative e convinto della qualità delle nostre proposte. Per il prossimo anno ci aspettiamo una partecipazione ancora maggiore da parte delle eccellenze piemontes spiega l’organizzatore, Gregorio Catricalà. Soddisfatto ed entusiasta Alberto Sacco, assessore al Turismo e Commercio della Città: «CioccolaTò si conferma uno degli eventi più partecipati Nell’anno dedicato alla tradizione gastronomica e culinaria del nostro Paese, siamo soddisfatti dei risultati ottenuti dall’atteso appuntamento col mondo del cioccolato che rimane, per la città di Torino e le tantissime aziende artigianali, una delle eccellenze del territorio piemontese. Grande successo di pubblico anche per i dibatti, gli show cooking, le presentazioni, le degustazioni e i talk ospitati negli stand che hanno accompagnato i dieci giorni della manifestazione». Tra i turisti si segnala la presenza di tante persone francesi. Un successo apprezzato particolarmente anche da Ascom.

CIOCCOLATO’ E LA SOLIDARIETA’ - Questa mattina la sindaca Chiara Appendino e l’assessore al Commercio, Alberto Sacco, hanno partecipato alla consegna simbolica ai bimbi del Regina Margherita e di Casa Ugi delle due statue di cioccolato – Capitan America e Elsa di Frozen ad altezza naturale – realizzate dai maestri cioccolatieri Gianfranco Rosso, Blandino Gusella e Franco Rossetto. Presenti anche Franca Fagioli e Roberto Laudati della Città della Salute di Torino. Domani mattina alle ore 9:30 le sculture verranno posizionate nell’atrio dell’ospedale per dare la possibilità per un paio di giorni di fare vivere CioccolaTò a tutti i bambini ricoverati che non hanno avuto la fortuna di godersi la manifestazione. L’iniziativa è stata organizzata da Nida, la Nazionale Italiana dell’Amicizia, Onlus che cerca di aiutare bimbi in difficoltà, e dopo aver stretto una profonda amicizia con la piccola Bea Naso e la sua mamma Stefy, ha deciso di dedicarsi soprattutto al sostegno di bimbi con malattie rare. «Questa mattina siamo stati particolarmente contenti di aver portato in piazza decine di bimbi, che per qualche ora hanno lasciato l’ospedale. Per loro è molto importante conquistare attimi di svago e interrompere la routine sempre uguale delle cure, dove il tempo sembra non passare mai», racconta il fondatore della Nida, Walter Galliano, che ha indossato gli abiti di Willy Wonka e Capitan America. Accanto a lui una squadra di volontari che hanno impersonato supereroi e principesse e reso magica la kermesse per i più piccoli.