12 dicembre 2018
Aggiornato 19:30

Investita e uccisa mentre rincasa dopo la messa da un 40enne che non avrebbe potuto guidare

La patente dell'automobilista era stata sospesa, ciononostante lui era al volante della sua Peugeot 206 e ha travolto mortalmente Lidia Marchetto di 77 anni a pochi metri dalla casa di quest'ultima
Nulla da fare per la 77enne
Nulla da fare per la 77enne ()

BUSANO - Stava rincasando dopo la messa serale, ma un'auto le ha spezzato la vita a cinquanta metri dalla sua abitazione. Dramma a Busano, nel Canavesano, dove ieri, intorno alle sei di pomeriggio, una donna di 77 anni, Lidia Marchetto, è stata travolta da una Peugeot 206 che viaggiava in direzione di Valperga. L'incidente è avvenuto vicino al centro del paese e per la settantasettenne non c'è stato nulla da fare.

Il conducente della Peugeot 206, un quarantenne residente a Forno Canavese, si è subito fermato per tentare di soccorrere l'anziana donna, in attesa che sul posto arrivassero l'ambulanza e i carabinieri. Quando gli operatori del 118 hanno raggiunto la vittima hanno capito che non c'era ormai più nulla da fare.

PATENTE SOSPESA - Dagli accertamenti è risultato avere la patente sospesa il quarantenne alla guida della vettura. Da quanto è emerso aveva già terminato il periodo di sospensione, ma avrebbe dovuto sostenere a breve la visita di controllo per far sì che gli venisse ridata. Al momento dell'incidente l'uomo viaggiava in auto con la moglie e i figli.