12 dicembre 2018
Aggiornato 19:30

Cannabis nei cartoni delle pizze: scoperto laboratorio domestico per coltivazione di marijuana

Sono ben 54 i rami di piante di cannabis ritrovati nei cartoni per le pizze: nei guai un soggetto noto alle forze dell’ordine

IVREA - I carabinieri di Vico Canavese, nei giorni scorsi, hanno intensificato i controlli finalizzati alla repressione dello spaccio di sostanze stupefacenti ed all’individuazione delle piantagioni illegali di cannabis in Valchiusella. 

CANNABIS NEI CARTONI DELLA PIZZA - In una abitazione di Rueglio i militari hanno rinvenuto 54 rami di piante di cannabis con infiorescenze di marijuana per un peso di circa 260 grammi, alcuni dei quali conservati nei cartoni per le pizze, 96 grammi di hashish e due contenitori di fertilizzanti nonché vario materiale per la coltivazione indoor ed il confezionamento della sostanza stupefacente. A curare il laboratorio domestico era un 41enne di Rueglio già noto alle forze dell’ordine. Nei suoi confronti è scattata una denuncia in stato di libertà alla Procura di Ivrea per coltivazione e produzione di sostanze stupefacenti. Tutta la sostanza ed il materiale rinvenuto sono stati sottoposti a sequestro.

I CONTROLLI - Dall’inizio dell’anno i carabinieri della Compagnia di Ivrea hanno sequestrato in Valchiusella 20 piante di cannabis e più di 2 kg di marijuana. Una persona è stata arrestata in flagranza di reato ed altre quattro sono state denunciate in stato di libertà per reati concernenti la coltivazione e lo spaccio di sostanze stupefacenti.