24 ottobre 2017
Aggiornato 09:30
Il nostro speciale sul Tff33

«Suffragette», il film di apertura del Tff33 con Maryl Streep che vedremo nel 2016

Ambientato nel 1912, il nuovo film di Sarah Gavron descrive le condizioni di vita e di lavoro delle donne londinesi agli inizi del Novecento, le lotte delle suffragette e le persecuzioni di cui furono vittime

TORINO - Ambientato nel 1912 e scritto da Abi Morgan (l’autrice di «The Iron Lady», «Shame» e «Brick Lane», il film d'esordio di Sarah Gavron), «Suffragette» descrive le condizioni di vita e di lavoro delle donne londinesi agli inizi del Novecento, le lotte delle suffragette e le persecuzioni di cui furono vittime.

Meryl Streep in «Suffragette»

Meryl Streep in «Suffragette» (© )

Al centro del terzo film della giovane regista inglese ci sono le vicende della lavandaia Maud (interpretata da Carey Mulligan), giovane madre di famiglia dell’East End londinese,della farmacista Edith, che fabbrica bombe in casa (Helena Bonham Carter) e della proletaria Violet (Anne-Marie Duff).

La regista di «Suffragette» Sarah Gavron

La regista di «Suffragette» Sarah Gavron (© )

Meryl Streep, in una partecipazione speciale, interpreta Emmeline Pankhurst, l’attivista britannica che nel 1903 fondò l’Unione sociale e politica delle donne (Women’s Social and Political Union) dando così una spinta fondamentale al diritto delle donne al voto politico, il «suffragio», concesso fino ad allora solo agli uomini.