24 ottobre 2017
Aggiornato 07:30
Roberto Rosso candidato sindaco

Elezioni 2016, il centrodestra vacilla ancora e Rosso tuona: «Dieci giorni e mi candido»

L’ex segretario di Forza Italia punta su di sé per le prossime elezioni comunali di Torino. «Voglio un centrodestra unito, tra dieci giorni dirò chi ha aderito al mio progetto»

TORINO - Dopo che Piero Fassino ha annunciato la sua ricandidatura ci si aspettava che dalla parte opposta della barricata anche il centrodestra tirasse fuori un nome su cui puntare alle prossime elezioni amministrative. E invece, a un mese di distanza, circolano ancora varie ipotesi ma di concreto non c’è nulla. Nulla tranne un’eccezione, un nome già noto alla politica torinese che da settimane guarda Torino dall’alto in decine di cartelloni appesi in città e che oggi ha ribadito la sua volontà e il suo mettersi a disposizione per portare il centrodestra alla vittoria. Il nome è quello di Roberto Rosso.

«Prima di tutto l’unione del centrodestra»
Ha le idee chiare Roberto Rosso, ma come dice più volte, «sono gli altri che non ce le hanno». Riferimento neanche troppo velato a Lega e Forza Italia in primis, ancora in alto mare tra chi candidare per sfidare Fassino e Appendino (Movimento 5 Stelle). «Per prima cosa bisogna ricostruire il centrodestra - dice Rosso -. Per il momento la distanza in percentuale dai grillini e dal centrosinistra è troppa per correre le elezioni, figuriamoci se si va divisi». Il rischio che ogni partito corra da sé c’è, ma quello che Rosso teme di più e che il candidato venga scelto dalla dirigenza e non dalla gente. «Serve un po’ di democrazia - sottolinea -. Io ho proposto le primarie di centrodestra spalmate in più settimane e in diverse Circoscrizioni affinché si dia visibilità ai vari nomi e si scelga al meglio. Ma per ora nessuno, Berlusconi in primis, mi ha dato retta».

«Dieci giorni e poi mi candido ufficialmente»
Per il momento c’è una lista civica. Nei prossimi giorni questa potrebbe ulteriormente allargarsi e diventare una coalizione, almeno questo è ciò che spera Roberto Rosso. In alternativa lancerà la sua candidatura ufficiale: «Per il momento ho una lista nata per interloquire direttamente con la città. Poi ci sono forze democratiche cristiane come Ndc e Udc, ci sono forze moderate e forze liberali. Tra dieci giorni farò una conferenza stampa per dire chi ha aderito al mio progetto». La possibilità che Lega Nord e Forza Italia possano far parte della coalizione di Rosso sembra tuttavia remota. Il rapporto per il momento è interlocutorio ma sembra non esserci una vicinanza a tal punto da stringere definitivamente la mano e partire con la campagna elettorale. «La mia speranza - dice in conclusione Roberto Rosso - è quella di poter costruire un futuro diverso anche con loro».