25 giugno 2017
Aggiornato 19:00
Incredibile in Galleria San Federico

Spariscono le 26 sculture di Topolino dalla Galleria San Federico, la mostra chiude in anticipo

Ieri sera i 26 Topolini erano tutti sorridenti di fianco a via Roma. Questa mattina tutte le sculture sono sparite senza che nessuno, Comune compreso, abbia saputo nulla. Abbiamo quindi contattato la Disney.

TORINO - Che fine hanno fatto i Topolini della mostra allestita dalla Disney nella Galleria San Federico? E’ la domanda che si sono fatti in tanti da questa mattina visto che delle 26 sculture non ne è rimasta neanche una. Pare infatti che nella notte gli organizzatori abbiano smontato tutto in tempo record perché il grande successo che stava avendo la mostra rischiava di rovinare troppo i Topolini. In effetti bastava fare un giro in via Roma negli ultimi giorni per notare un grande movimento di fronte al cinema Lux. Selfie, abbracci e foto di gruppo con ogni scultura presente hanno fatto anticipare la chiusura della mostra itinerante «Topolino e l’Italia» che sarebbe dovuta rimanere a Torino fino al 18 settembre.

Le lamentele dei genitori
«Siamo venuti qui da fuori Torino per far vedere la mostra ai nostri figli», ci dice una mamma arrivata da Grugliasco, «nessun avvertimento e neanche nei locali sanno il perché non ci siano più le sculture». E’ vero. Chiedendo al negozio di abiti da sposa e a un paio di ristoranti nessuno ne sa nulla. «Ieri sera in chiusura erano tutti qui i Topolini, questa mattina all’apertura non c’era più nulla», ci dicono tutti. E di gente che si domanda dove sia finito il personaggio più amato della Disney è pieno in Galleria San Federico. Tutti straniti e qualcuno anche molto arrabbiato.

Il Comune di Torino e la Disney
Dal Comune di Torino, per la precisione dall’assessorato alla Cultura, non sanno nulla del perché la mostra sia sparita dall’oggi al domani. «Non avendo dato il patrocinio non ci siamo interessati direttamente», ci dicono. Diversa la risposta dell’agenzia di comunicazione che si occupa della mostra della Disney, ma poco esauriente allo stesso modo. La risposta ufficiosa della chiusura anticipata è quella della paura che le sculture si rovinassero troppo. Ed è un vero peccato.